Processo Contabile Telematico, il punto: siamo agli inizi

Non possiamo ancora parlare di vero e proprio Processo Contabile Telematico, in quanto è ancora prevista una “attuazione per gradi” che impone comunque anche il deposito cartaceo degli atti depositati in formato elettronico

Questo articolo fa parte della raccolta “Processo Telematico. Facciamo il punto. I cinque processi telematici a confronto”

Il Processo Contabile Telematico in realtà non è, attualmente, un vero e proprio processo telematico. Ad oggi è prevista una “attuazione per gradi” che impone comunque anche il deposito cartaceo degli atti depositati in formato elettronico. Il deposito a mezzo PEC, consentito dalla giustizia contabile, risulta nella pratica solamente un’anticipazione di quanto poi depositato cartaceo. Nessuna formalità specifica è volta poi a costruire il fascicolo telematico composto prevalentemente da scansioni di documenti cartacei originali inviati tramite PEC all’Ufficio Giudiziario.

Il progetto GIU.DI.CO., Giustizia Digitale Contabile, è da considerarsi, quindi, ancora in fase di attuazione.

Fonti

Il 7 ottobre 2016 è entrato in vigore il Codice di giustizia contabile (decreto legislativo 26 agosto 2016, n. 174) che detta le regole processuali dei giudizi di responsabilità erariale, di conto e di quelli sanzionatori e pensionistici innanzi alla Corte dei Conti.

L’articolo 6 del citato decreto (digitalizzazione degli atti e informatizzazione delle attività), prevede che, nella giustizia contabile, ove non sia disposto diversamente, si applicano le regole e le specifiche tecniche del processo civile telematico con alcune peculiarità.

Per il deposito degli atti giudiziari tramite PEC, in particolare, valgono le modalità stabilite nel Decreto Presidenziale n. 98/2015 il quale definisce le prime regole tecniche e operative per l’utilizzo della PEC nei giudizi dinanzi alla Corte dei conti, ivi incluse le comunicazioni e notificazioni.

A ottobre 2015 la DGSIA ha emanato delle istruzioni tecnico operative per l’utilizzo della PEC nei giudizi davanti alla Corte dei Conti e il Decreto Presidenziale n. 9/2016 elenca gli indirizzi PEC degli uffici giudiziari che si possono utilizzare per il deposito degli atti.

Anche nel Giudizio Contabile è possibile effettuare le notificazioni a mezzo PEC di cui alla Legge n. 53 del 1994.

Autorità ed infrastrutture

Il Processo Contabile Telematico dipende dal Ministero della Giustizia e la sua realizzazione pratica è demandata alla sua Direzione generale dei sistemi informativi automatizzati – DGSIA.

Il sistema del Processo Contabile Telematico si basa su SIRECO, il Sistema Informativo Resa Elettronica Conti.

Software

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *