Domicilio digitale

Vorrei sapere se – in base all’ art. 125 cpc  così come novellato dalla L.183/2011 e successivamente del DL 138/2011 – l’ avvocato che debba insinuare al passivo fallimentare un credito al di fuori dalla circoscrizione del proprio Tribunale sia tenuto a domiciliarsi presso un collega del luogo dell’ ufficio giudiziario presso cui pende la procedura concorsuale o se possa validamente eleggere il proprio domicilio virtuale tramite indicazione del proprio indirizzo di pec, superando il disposto di cui all’ art. 82 RD 37/1934.

Assolutamente si.
L’obbligo è stato eliminato dal DL 90/2014 (convertito L. 114/2014) – tra l’altro già in precedenza eliminato da Cass. 10143/2012 SS.UU. – e il
domicilio digitale è oggi previsto dall’art. 16 sexties del DL 179/2012 (conv. L. 221/2012). Gli indirizzi ai quali fare riferimento sono quelli presenti nei pubblici registri.
Cordiali saluti.

Servizio HelpCSPT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *